whatsapp aggiornamento pubblicità

Aggiornamento in vista per WhatsApp. L’applicazione di messaggistica è ormai pronta a rilasciare una nuova versione che molto probabilmente non vi piacerà. Secondo quanto si apprende da fonti vicine all’azienda, infatti, è molto vicino l’arrivo della pubblicità su WhatsApp. Un momento molto temuto dagli utenti, abituati ad usare l’App senza alcun annuncio pubblicitario in mezzo.

Arriva la pubblicità su WhatsApp

Ma come sarà la pubblicità su WhatsApp? Siamo ancora nel campo delle ipotesi, ma quelle più accreditate non hanno dubbi: la pubblicità su WhatsApp riguarderà solo gli aggiornamenti di stato e sarà simile a quella che conosciamo oggi nelle Instagram Stories. Degli annunci pubblicitari, dunque, che compariranno nel mezzo fra un aggiornamento di stato e l’altro. Pericolo scampato, invece, per i messaggi: la pubblicità di WhatsApp non entrerà nelle chat di tutti i giorni. Almeno per adesso. Una scelta del genere, del resto, potrebbe costare cara a una piattaforma come WhatsApp, da sempre alle prese con potenziali competitor (come Telegram e Viber) che quotidianamente fanno di tutto per guadagnare terreno nei confronti del colosso di Menlo Park.

WhatsApp: gli ultimi aggiornamenti

Giova ricordare che in queste settimane WhatsApp sta lavorando sodo a nuovi aggiornamenti. L’intento di creare un’applicazione sempre più performante è sempre molto alto. Così è giunta notizia dell’aggiornamento relativo alle note vocali, ma anche quello relativo al recupero delle foto cancellate. Ora si attende quello meno simpatico, relativo all’introduzione della pubblicità.

WhatsApp: le dimissioni di Arora

Intanto c’è da registrare un’altra fuoriuscita da WhatsApp. Dopo che nei mesi scorsi alcuni manager importanti avevano lasciato WhatsApp, oggi è toccato al al Chief Business Officer, Neeraj Arora, rassegnare le sue dimissioni. Ufficialmente per «ricaricarsi e stare più tempo con la famiglia». Arora era un pezzo storico di WhatsApp, poiché era al suo interno sin da prima che Facebook acquistasse l’applicazione. «Sono fiducioso che la società continui ad offrire un prodotto semplice e sicuro anche per gli anni a venire» ha scritto Arora nel suo post di addio all’azienda.