Disdetta Canone Rai
Disdetta Canone Rai

Non tutti sanno che in alcuni casi la disdetta canone Rai è possibile, anche se la procedura ha un iter ben preciso da seguire. Ma cosa occorre fare per disdire il canone Rai e come non pagare questa tassa? E per richiedere l’esenzione, quali moduli occorre compilare?

Innanzitutto, oggi il canone Rai non si paga più in un’unica soluzione ma viene direttamente rateizzato nella bolletta della luce. Per l’anno in corso, il canone Rai 2019 è stato fissato dalla Legge Stabilità del 2018 e l’importo è di 90 euro. Negli ultimi anni l’importo del canone RAI è già sceso da 113,50 euro a 100.

In passato, l’imposta dovuta allo Stato veniva per lo più evasa. Al contrario, negli ultimi anni, inserendola nella fattura dell’energia elettrica, tutti devono obbligatoriamente pagare ogni mese una mini rata da 9 euro (per 10 mesi) (ossia 18 euro a bimestre in bolletta). Tutto ciò ha ridotto l’evasione fiscale quasi pari a zero.

Ma è in qualche modo possibile non pagare il canone Rai? Questa guida completa ti spiegherà tutto ciò che non sai su questa imposta, da sempre odiata e contestata e da alcuni definita incostituzionale. Parleremo anche di esenzioni (per casi specifici), di agevolazioni sul canone Rai e anche di cosa si rischia non pagandolo.

Chi ha diritto all’esenzione del Canone Rai

Esenzione Canone Rai

Dunque, chi ha diritto a non pagare il canone Rai? Domanda molto frequente, soprattutto in tempo di crisi. Ci riferiamo alla possibilità di non ricevere la rata del canone Rai nella fattura dei vari fornitori di energia elettrica: Enel, Eni, Sorgenia, Edison e ACEA, solo per citarne alcuni.

L’esenzione del canone Rai può essere richiesta in questi casi:

  • Se non si possiede alcun apparecchio atto o adattabile alla ricezione dei canali Rai in digitale terrestre o satellitare come la classica televisione.
  • Se si ha un’età superiore a 75 anni e non si convive con un’altro soggetto che goda di un qualunque reddito (escluso il coniuge). Inoltre, il reddito familiare complessivo non deve superare gli 8mila euro annui.
  • Se si è titolari di seconda abitazione a loro intestata non devo pagare il canone Rai poiché viene già addebitato nella bolletta della luce relativa alla prima casa.
  • Se si possiede un’immobile in locazione. In questo caso il pagamento del canone Rai deve essere effettuato dall’inquilino che eventualmente sia in possesso di un televisore o un altro apparecchio in grado di ricevere il segnale tv.
  • Se si è agenti consolari e diplomatici stranieri (ma solo accreditati in Italia).
  • Se si svolge il lavoro di rivenditore e riparatore di TV o apparecchi elettronici atti alla ricezione di contenuti Rai.

Non esistono altre eccezioni o procedure legali per non pagare il canone Rai, che in quanto imposta dovuta dal contribuente allo Stato, deve essere pagata interamente. In passato, era possibile fare disdetta del canone Rai per suggellare i dispostivi televisivi ma da qualche anno la procedura è stato abolita.

E se non si paga il canone Rai che succede? In questo caso l’Agenzia delle Entrate richiede il recupero del credito dovuto e si incorre in sanzioni con il rischio di subire procedimenti penali poiché si perpetra il reato di evasione fiscale ai danni dello Stato.

Canone Rai gratuito con RaiPlay

E se si utilizza Raiplay per vedere la Rai in streaming online e offline? Registrandosi al servizio internet Raiplay, che consente la fruizione dei contenuti tramite PC o Mac, tablet, smartphone, l’accesso ai contenuti è gratuito e non occorre pagare il canone Rai. Sono escluse le Smart tv che seppur connesse a internet sono dotate di sintonizzatore TV.

Modulo esenzione disdetta Canone Rai

Modulo esenzione disdetta Canone Rai

Ma cosa occorre fare se realmente non si possiede un televisore o se si è in possesso dei requisiti per l’esenzione? Per disdire il canone Rai e non pagare l’imposta dovuta in bolletta occorre compilare un modulo di autocertificazione disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate con il quale si dichiara di non possedere un televisore o di essere titolare di uno dei requisiti (o più di uno) elencati precedentemente.

Al tempo stesso esiste il modulo per fare richiesta del rimborso del canone di abbonamento alla televisione pagato nelle fatture precedenti dell’energia elettrica.

Esiste una scadenza per inviare il modulo disdetta Canone Rai? La risposta è si e la richiesta deve essere inviata via posta, entro il 20 dicembre di ogni anno, ed entro il 31 gennaio in tutti gli altri casi.

È possibile scaricare il modulo di autocertificazione per l’esenzione del canone Rai in pdf sul portale internt dell’Agenzia delle Entrate attraverso questo link.

Il modulo presenta al suo interno tutte le casistiche elencate in precedenza:

  • Utenti con bolletta dell’energia elettrica per uso domestico residenziale che dichiarano di non possedere nessun televisore.
  • Contribuenti con più di 75 anni, esenti quindi per limiti di età, su questa pagina.
  • Coloro i quali hanno diritto al rimborso del canone Rai già addebitato nelle fatture elettriche ma pagato erroneamente.

Si tratta di un modulo di 3 pagine. Le ultime due devono essere accuratamente compilate partendo dalla sezione ”Dati generali” e proseguendo con le altre due parti:

  • Quadro A”, relativo all’esenzione dal canone Rai per il mancato possesso di televisore o altro dispositivo atto a ricevere il segnale del digitale terreste.
  • Quadro B”, nel caso in cui il canone Rai sia dovuto solo una volta per ogni nucleo familiare anagrafico.

A questo punto, dove va inviato il modulo per disdire il canone Rai non dovuto?

È possibile rivolgersi ai CAF abilitati al servizio o a professionisti del settore, direttamente tramite i servizi online dell’Agenzia dell’Entrate e via mail all’indirizzo [email protected], con firma digitale, entro il 31 gennaio dell’anno in cui è dovuto il pagamento.

Per chi desidera utilizzare la modalità di invio cartacea tramite poste, il modulo deve essere inviato via raccomandata, senza busta, all’indirizzo:

Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 –10121 Torino.

Scadenza dichiarazione disdetta Canone Rai

Dichiarazione disdetta Canone Rai

Come sempre in questi casi fa fede la data relativa al timbro postale e non quella di ricezione. La dichiarazione di non detenzione dell’apparecchio televisivo ha validità solo per l’anno in corso. Quindi, occorre inviare la richiesta di disdetta del canone Rai ogni anno, altrimenti il pagamento in bolletta del canone Rai scatta in automatico per l’anno successivo.

L’Agenzia delle Entrate ricorda che è meglio non attendere il 31 gennaio. Infatti, se si vuol evitare l’addebito della prima rata del canone Rai in bolletta di una rata nel primo mese dell’anno è preferibile presentare la dichiarazione entro il 20 dicembre in forma cartacea o la fine di dicembre per via telematica. Tutto questo per non incorrere in eventuali addebiti non dovuti, che potranno comunque essere recuperati facendone richiesta.

Nel caso in cui si dovesse presentare la dichiarazione per disdire il canone Rai dopo il 31 gennaio:

  • A partire dal 1° febbraio e fino al 30 giugno dell’anno in corso occorre saldare il primo semestre per intero.
  • Se la richiesta avvenisse dal 1° luglio al 31 gennaio vige l’obbligo del pagamento per il solo anno in corso e gli effetti della disdetta saranno validi a partire dall’anno successivo.

Disdetta Canone Rai per decesso

In caso di decesso del titolare dell’abbonamento la disdetta del canone Rai è leggermente più complessa della precedente. In quest’ultimo caso, la disdetta deve essere inviata una sola volta.

Nel caso di eredità dell’abitazione o di residenza presso la stessa, invece di fare la disdetta per decesso, basterà soltanto richiedere la voltura del servizio di energia elettrica al proprio fornitore.

La disdetta canone Rai, come per i casi precedenti può essere richiesta anche online sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate, accendendo a questa pagina.

Prima della richiesta va effettuata una registrazione sul portale Fisconline seguendo la procedura indicata. Al momento della registrazione verranno rilasciate 4 cifre che compongono la prima parte del PIN, mentre restanti 6 e la password di accesso saranno inviate entro 15 giorni al domicilio del richiedente.

Quando si è in possesso di tutti i dati necessari occorre eseguire il login al proprio account Fisconline e, sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, basterà compilare il modulo di disdetta del canone Rai.

Se ci fossero dubbi o casi particolari di disdetta del canone Rai è possibile mettersi in contatto direttamente con la Rai accedendo a questa pagina dedicata. Una volta inseriti i dati personali richiesti, specificando il motivo della richiesta all’interno della finestra “Testo messaggio” e premendo sul tasto “Invia”, occorrerà attendere alcuni giorni una risposta, che avverrà sempre per email, da parte della Rai.

Invece, per contattare la Rai telefonicamente e richiedere informazioni sul canone è necessario chiamare il numero verde 800 93 83 62 dal lunedì al sabato, dalle ore 9 alle ore 21. Dall’estero occorre chiamare il numero a pagamento +39 06 87408198.

In ultimo, la Rai, attraverso piattaforma online “Pronto la Rai”, accessibile di servizi telematici dell’Agenzia dell’Entrate, permette di prenotare un appuntamento telefonico indicando l’ora e il giorno in cui si è disponibili a essere contattati.

Sanzioni mancato pagamento Canone Rai

Sazioni multa Canone Rai

E se non si paga il canone Rai che succede? In questo caso la multa per mancato pagamento dell’imposta dovuto varia da 200 a 600 euro più penali.

Questo potrebbe avvenire se si paga la fattura dell’energia elettrica con bollettino in bianco dimenticando di inserire la quota relativa alla rata del canone Rai. È obbligo della società elettrica, in questi casi, segnalare all’Agenzia delle Entrate il mancato pagamento.

In caso di autocertificazione falsa di non possesso del televisore, scatta la sanzione penale che prevede due anni di carcere. In tutte le situazioni elencate non è previsto il recupero dei canoni Rai precedenti poiché il valore retroattivo non può essere accertato.

Ricordiamo che l’imposta è unica e non varia in base al numero di apparecchi posseduti. Se per errore si dovessero ricevere rate del canone Rai in più bollette relative ad abitazioni secondarie, intestate allo stesso titolare dell’abitazione principale, si ha diritto a richiedere il rimborso.